Pietro Calabrese – Da direttore della ‘Gazzetta dello Sport’ a direttore di ‘Panorama’

‘Prima Comunicazione’, numero 345, Novembre 2004 – Qualcuno (un grande imprenditore che nell’editoria vi è immerso fino al collo) parla già  di ‘Lodo Calabrese’, a cui ci si potrà  d’ora in avanti riferire quando si vorrà  fare piazza pulita di marchette e marchettoni, di vice direttori (ce ne erano sei a Panorama, roba che nemmeno la Pravda), di pletoriche rubriche di opinionisti (l’80% dei quali il neo direttore ha rispedito a casa). Un vecchio figlio dei fiori direbbe che in fondo ognuno ha il suo karma. Quello di Calabrese deve essere quello di prendere in mano testate decotte o asfittiche, buttare tutto all’aria, ristrutturare fin negli angolini più bui e riportare quel giornale a nuova vita. Gli è successo con Il Messaggero, gli è risuccesso con Capital, gli è successo di nuovo con La Gazzetta e ora gli ricapita per l’ennesima volta con Panorama. Palermitano, nato a maggio (anno 1944), ha mosso i primi passi alle cronache parlamentari dell’Ansa per poi coprire le corrispondenze da Bruxelles, da Parigi, da Madrid. Nel 1977 passa al Messaggero come antenna dalla Spagna e poi nell’89 arriva a Via Po come caporedattore dell’Espresso. Dopo quattro anni torna al Messaggero come caporedattore e nel 1995 è vice direttore. Molla Via del Tritone per un breve periodo (fa da consulente a Olimpiadi 2004, la società  che si occupa della candidatura di Roma ai Giochi olimpici), ma (1966) vi ritorna alla grande e cioè come direttore. Dopo un contrasto con l’editore Caltagirone, nel novembre del 1999 fa un salto a Viale Mazzini (direttore della Divisione Due) e nel maggio 2000 è nominato responsabile delle attività  multimediali di Rcs Editori e poi anche di Adp.net. Direttore del moribondo Capital (febbraio 2001) che rinvivisce, e poi primo direttore non sportivo della Gazzetta dello Sport (marzo 2002), ora sta lì a smazzarsi un gran lavoro a Panorama.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

“Una f… di mediano”, il Venezia Calcio femminile furioso contro Dagospia: Titolo becero. Il club chiede la rettifica, il sito replica

“Una f… di mediano”, il Venezia Calcio femminile furioso contro Dagospia: Titolo becero. Il club chiede la rettifica, il sito replica

Gruppo EMG, Giuseppe Saccà nominato ceo di 302 Original Content 

Gruppo EMG, Giuseppe Saccà nominato ceo di 302 Original Content 

TOP INFLUENCER ITALIA, BEST PERFORMING e TOP PAID POST. A giugno gli Autogol salgono al secondo posto tra Ferragni e Fedez

TOP INFLUENCER ITALIA, BEST PERFORMING e TOP PAID POST. A giugno gli Autogol salgono al secondo posto tra Ferragni e Fedez