Quotidiani – ‘Gazzetta del Popolo’. Bonsignore la fa rinascere

Un’attività  febbrile sembra aver contagiato l’area dell’informazione torinese che gravita intorno al Polo. Una cordata di imprenditori guidata dall’europarlamentare dell’Udc Vito Bonsignore ha rilevato la storica testata della Gazzetta del Popolo (fu fondata nel 1848 da Giovanni Battista Bottero, Alessandro Borella, Norberto Rosa e Felice Govea, che la usarono per appoggiare la politica di Cavour e il programma dell’unificazione d’Italia), chiusa dal 1983. Il giornale dovrebbe tornare in edicola nei primi mesi del 2005, giusto in tempo per la campagna elettorale per le regionali.  Bonsignore non è un deputato qualsiasi: siciliano di Bronte, a lungo luogotenente di Giulio Andreotti nella Dc torinese, poi rimasto per molto tempo ai margini della vita politica dopo le inchieste di Mani pulite a Torino, è a capo di più società  attive soprattutto nel settore autostradale ed è anche il principale azionista privato della Cassa di Risparmio di Genova e Imperia, nonché buon amico politico e personale di Franco Caltagirone. Nella scorsa primavera, il ritorno sulla scena con l’elezione a Strasburgo. Ora è stato proprio lui, battendo sul filo di lana un’altra cordata, ad acquistare l’antica e gloriosa testata di proprietà  della vedova dell’imprenditore Mario Rubatto, l’ultimo editore della Gazzetta.

_____________________
Nella foto, Vito Bonsignore

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale