PAOLA CENTOMO – Da vice direttore di ‘Glamour’ a direttore di ‘Glamour’

Nata a Busto Arsizio, alle soglie di Milano, 39 anni fa, Paola Centomo è arrivata al giornalismo per la via più breve e più sicura: l’Istituto per la formazione al giornalismo Carlo De Martino che ha cominciato a frequentare nell’86 abbandonando al terzo anno la facoltà  di scienze politiche dell’università  Statale. Già  durante i due anni di corso collabora con il Corriere della Sera scrivendo di cronaca, attualità  e politica per le pagine regionali ‘Metropoli’; nell’87 è, sempre come collaboratrice, al settimanale femminile Eva e nel marzo dell’anno dopo arriva la prima assunzione: Vera Montanari ha mandato in edicola sei mesi prima l’edizione italiana di Marie Claire e la chiama al giornale perché si occupi di attualità  e d’inchieste. A Marie Claire Centomo incontra Valeria Corbetta, che del mensile è caporedattore e poi vice direttore, e nel 1994 la segue a Glamour. Qui nel 2001, appena nominata alla vice direzione, chiede di occuparsi del nuovo sito del mensile, glamour.com, che Corbetta concepisce come un corpo totalmente integrato con il giornale e che vuole affidare a qualcuno che ne conosca alla perfezione lo spirito e le potenzialità . Per lei è un’esperienza preziosa: “Il web è una straordinaria palestra di giornalismo: ti obbliga alla sintesi, ti insegna a costruire una pagina nel modo più essenziale ed efficace”, sostiene Centomo. Il sito va on line nel luglio 2001, Paola Centomo lo segue, lo perfeziona, lo fa crescere per un altro anno. I risultati sono eccellenti, oggi glamour.com ha una media di 4 milioni di pagine viste al mese e 300mila utenti unici (dichiarazione editore), e si è rivelato anche un buon veicolo pubblicitario con entrate tuttora in crescita (quest’anno il 35% in più). Poco dopo l’arrivo di Danda Santini alla direzione di Glamour, Centomo riprende il suo ruolo al mensile e la affianca nel progetto di restyling che ha visto la luce nel marzo 2003. Sposata con un architetto, una figlia di 4 anni, Carolina Nina, oltre al giornalismo nella vita Paola Centomo ha avuto un’altra passione: l’atletica leggera, che da giovane ha praticato a livello agonistico come ostacolista. Allo sport oggi si dedica quando può e nel tempo libero legge molto e di tutto. Ma quando ne ha di tempo libero? “Ho la fortuna di avere bisogno di poche ore di sonno”, sorride lei.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il sogno del Festival della Mente nell’anno della pandemia, fra numeri e futuro

Il sogno del Festival della Mente nell’anno della pandemia, fra numeri e futuro

Battaglia continua sulle rassegne stampa. Consiglio di Stato respinge ricorso urgenza Eco della stampa

Battaglia continua sulle rassegne stampa. Consiglio di Stato respinge ricorso urgenza Eco della stampa

Conflitto di interessi, la proposta di legge: “Stop ai direttori dei giornali in Parlamento”

Conflitto di interessi, la proposta di legge: “Stop ai direttori dei giornali in Parlamento”