Comunicazione e pubblicità  ““ Arcus. Locale, di nicchia e via etere

Arcus, la concessionaria di pubblicità  nata per raccogliere la pubblicità  locale e finanziaria del Giornale, compie dieci anni e per festeggiarli, il 19 e il 20 giugno, sul Monte Amiata, si sono ritrovati tutti insieme, compresi Paolo Berlusconi (l’azionista di controllo), la sua compagna, Natalia Estrada, e tutti i vertici della società . “È stata un’iniziativa che si è inserita bene nel clima che si respira quotidianamente in questa azienda”, sottolinea Franco Riva, dal 2000 presidente della Arcus Pubblicità  e presidente della Pbf, la holding del gruppo Paolo Berlusconi. “Diciamo che all’interno del gruppo sono un po’ come il prezzemolo: in molte società  – dipende dal tipo di business – curo gli aspetti di amministrazione, finanza e controllo”. “In Toscana eravamo 62 dei 75 attualmente in organico. Pensare che dieci anni fa eravamo partiti con 14 dipendenti e 21 agenti, ora saliti a 45″, racconta Maurizio Ferrian, amministratore delegato della concessionaria in cui è arrivato nel 1994, al momento della fondazione, come direttore commerciale. “L’Arcus è nata perché la precedente concessionaria, la Spi, era in liquidazione e Amedeo Massari, l’allora amministratore del Giornale, con la sua grande esperienza, decise di anticipare di sei mesi la chiusura del contratto e di partire con la raccolta interna. È stato proprio Massari a chiamarmi”. All’inizio l’Arcus opera esclusivamente in funzione del Giornale, per cui raccoglie la pubblicità  locale e quella finanziaria e legale. Oltre alla sede di Milano, in via Gaetano Negri, ne viene aperta un’altra a Genova dove da anni funziona anche una redazione del quotidiano. Nel 1999 vengono aperte altre due sedi a Torino e a Firenze, città  nelle quali sono nate due edizioni locali del Giornale (Il Giornale del Piemonte e Il Giornale della Toscana, editi in joint venture con imprenditori locali).  “È in questo periodo che superiamo la caratteristica di azienda che si dedica allo sviluppo di una sola testata e iniziamo a pensare ai periodici”, afferma Ferrian. “Forti della nostra esperienza nella raccolta della finanziaria, diventiamo nel 2000 concessionari di Espansione, Banca Finanza, Il Giornale delle Assicurazioni, tre testate edite dalla Sperling&Kupfer. L’anno successivo è la volta del Corriere di Como, distribuito nell’area lariana insieme al Corriere della Sera. Contemporaneamente, abbiamo stretto un accordo anche per la raccolta di Espansione Tv, controllata dagli stessi editori del Corriere di Como. Nel 2003 la diversificazione del portafoglio viene allargata anche alle emittenti radio, mentre diventiamo concessionari di un quotidiano come Il Corriere Adriatico e di due testate Ict, Week.it e Zerouno, che, con Espansione, Banca Finanza, Il Giornale delle Assicurazioni, sono state acquisite dalla Newspaper di Paolo Berlusconi. Insomma, questi dieci anni sono stati caratterizzati da una serie di successi e da una crescita esponenziale ‘orizzontale’ – da due siamo arrivati a sette sedi: oltre a Milano e Genova, Torino, Roma, Firenze, Como, Ancona – e ‘verticale’, visto che da concessionaria monotestata ci siamo trasformati in una multiprodotto e multieditore. Dalla fondazione della società  non abbiamo perso un cliente”.

_______________________
Nella foto, Maurizio Ferrian

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale