Comunicazione e pubblicità  – Inail. Cambia agenzia

È stata inaugurata il primo di giugno e durerà  tutto il mese la campagna contro gli infortuni dell’Inail (Istituto nazionale assicurazione contro gli infortuni sul lavoro) rivolta ai piccoli e medi imprenditori. Dopo due anni di campagne firmate J. Walter Thompson il testimone è passato ora alla Pomilio Blumm, agenzia fondata da Oscar Pomilio nel 1966 e ispiratasi a Oswald ‘Frank’ Blumm, geniale copywriter di origine bavarese ma americano di adozione. La Pomilio Blumm ha infatti vinto una gara che le ha assicurato per i prossimi due anni (estensibili a tre) la comunicazione pubblicitaria dell’istituto presieduto da Vincenzo Mungari. “Come sempre, quando indiciamo una gara”, spiega il responsabile della comunicazione dell’Inail Marco Stancati, “valutiamo sia il progetto creativo sia l’offerta economica dando – com’è ovvio – più peso al primo”. L’esordio all’Inail della Pomilio Blumm ha anche significato un cambiamento radicale della linea grafica, ora più colorata della precedente caratterizzata invece da toni più minimalisti.  Rivolta ai piccoli e medi imprenditori, agli artigiani e agli agricoltori, la campagna – che ha come direttore creativo Gianpiero Di Gianvittorio, autore del progetto artistico insieme a Fabrizio Granata, mentre Franca Di Muzio è la copywriter – vuole persuadere il target a investire in sicurezza con un messaggio umoristico in cui si fa riferimento agli incubi che tormentano i sonni degli imprenditori (la concorrenza cinese, l’aumento del costo energetico, ecc.).

_____________________
Nella foto,
Marco Stancati, responsabile comunicazione dell’Inail

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale