Quotidiani – ‘Giornale di Sardegna’. Il ritorno di Niki

Proprio a settembre scadono i cinque anni di vincolo “a non creare iniziative editoriali concorrenziali” che gli aveva chiesto Sergio Zuncheddu al momento dell’acquisto dell’Unione Sarda, e Grauso si sta preparando a tornare in pista investendo tra i 10 e i 15 milioni di euro per un nuovo quotidiano regionale. Per il momento ha scelto il nome (Il Giornale di Sardegna), il formato (tabloid europeo, tipo El Paà­s e soprattutto El Perià³dico de Catalugna, studiato da Piergiorgio Maoloni), il direttore (Antonio Cipriani, 46 anni, già  inviato dell’Unità  e direttore dell’Ora di Palermo) e in queste settimane di maggio sta facendo la spola (tra Roma, Milano, Genova e Cagliari) per mettere a punto tutti gli altri aspetti dell’iniziativa. A cominciare dalla pubblicità , per cui ha chiuso le trattative con Publikompass. Riecco, quindi, l’imprenditore che sul finire degli anni Ottanta sembrava avviato a diventare un sicuro punto di riferimento dell’editoria non solo regionale e meno di dieci anni dopo era uscito dal settore, facendo notizia soprattutto per alcune clamorose vicende giudiziarie: dal sequestro di Silvia Melis, dove ha sempre rivendicato di aver svolto il ruolo di mediatore-pagatore per la liberazione della giovane, per finire con le violente accuse ai magistrati del pool di Palermo per il suicidio del giudice Luigi Lombardini. A distanza di pochi anni dalla cessione del suo gruppo (L’Unione Sarda, Videolina, Radiolina, Tcs) all’imprenditore Sergio Zuncheddu, Grauso si accinge a tornare sulla scena sarda con una sfida dall’esito incerto e, proprio per questo, perfettamente in linea con il personaggio. “Se avesse avuto solo un po’ di pazienza, sedendosi, come dice quel detto cinese, ‘sulla riva del fiume’ ad attendere, oggi sarebbe il numero uno in Europa”, aveva spiegato tempo fa Renato Soru, il fondatore di Tiscali che grazie a Grauso (che gli cedette i diritti di Video Online per l’allora Cecoslovacchia dove l’imprenditore originario di Sanluri si occupava di immobili) ha cominciato la sua avventura in Internet. In questa fase Grauso, tutto preso dalla messa a punto del progetto, non si sbilancia. Ma non perde l’occasione per una provocazione politica: “Dove ci collochiamo? Ovviamente a sinistra, ma non certo con questi Ds!”.

__________________
Nella foto, Niki Grauso

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale