Manager – Filippo Mori Ubaldini. Alla scoperta del business

Da aprile Discovery Channel, il canale satellitare diffuso su Primo Sky che propone documentari scientifici e reportage, ha un country manager per il mercato italiano. È Filippo Mori Ubaldini che assume anche la carica di vice president. Ubaldini guiderà  la filiale italiana di Discovery con sede a Milano, composta da uno staff di quattro persone: “Sarà  una sede commerciale e di marketing che si occuperà  delle relazioni con Sky e con Cairo Communication che è la nostra concessionaria di pubblicità “, spiega Ubaldini. La sede italiana riporterà  ad Arthur Bastings, general manager di Discovery Network Europe per l’Europa continentale, l’Africa e il Medio Oriente. “Vogliamo aumentare il business in Italia, intensificare le co-produzioni locali e rendere quindi il nostro palinsesto sempre di maggior appeal per i telespettatori italiani”, aggiunge Ubaldini. Discovery Channel, che su Sky è presente anche con i canali Travel & Adventure, Science e Civilization, ha chiuso il 2003 con una raccolta pubblicitaria di 2 milioni di euro. Per il 2004 l’obiettivo è invece di 3,5 milioni di euro. “Le premesse per riuscirci ci sono tutte”, spiega Ubaldini. “Nel primo trimestre di quest’anno infatti abbiamo totalizzato il 40% in più di raccolta rispetto al primo trimestre dello scorso anno. E anche gli ascolti vanno molto bene: dalle ricerche Audistar ed Eurisko risulta che Discovery Channel è il canale digitale più visto dagli abbonati alla piattaforma dopo Sky Cinema, Calcio e Sport”.


 


__________________________
Nella foto, Filippo Mori Ubaldini

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale