Comunicazione e pubblicità  – Regione Abruzzo. Campagna da 2,2 milioni di euro

Attrarre investitori nei 262 comuni del territorio abruzzese in difficoltà  economica e di crescita nei settori dell’industria, dell’agricoltura e dei servizi. Sono destinati a questo i 2,2 milioni di euro finanziati dall’Unione europea che la Regione Abruzzo, attraverso l’assessorato alle attività  produttive guidato da Donato Di Fonzo, utilizzerà  per l’iniziativa di marketing territoriale ‘Abruzzo made in Italy’. Un progetto nato per risollevare l’economia delle zone più disagiate del territorio e realizzato dalla Regione in partnership con la società  di consulenza e servizi Accenture, la società  di information technology Datamat e l’agenzia di comunicazione integrata pescarese Ad.Venture.  L’iniziativa si svilupperà  in tre fasi: Accenture si occuperà  di individuare le aree potenzialmente attrattive per investimenti produttivi da parte di aziende italiane ed estere; Ad.Venture attuerà  la strategia di comunicazione per la promozione e la diffusione del progetto, oltre a seguire gli investitori nelle pratiche amministrative e burocratiche, mentre Datamat realizzerà  un database/portale che conterrà  tutte le informazioni necessarie a chi si dimostrerà  interessato all’iniziativa.  La creazione di un marchio istituzionale è stato il primo passo messo a punto da Ad.Venture. Dal prossimo mese, poi, sarà  pianificata su quotidiani e periodici finanziari e generalisti una campagna pubblicitaria il cui messaggio sarà  declinato sulle peculiarità  dei Paesi destinatari. 

______________________
Nella foto, Donato Di Fonzo


 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale