Periodici – Rolling Stone’. Passa in casa Quadratum

Il mensile Rolling Stone è riuscito a non farsi travolgere dal fallimento del suo editore, il gruppo francese Ixo Publishing. A rilevare dall’americana Wenner Media la licenza per pubblicare in Italia la rivista sarà  la Quadratum – al momento in cui scriviamo l’accordo è in via di perfezionamento – che assumerà  in blocco tutta la redazione (dieci persone) di Rolling Stone a partire dal direttore, Michele Lupi, e dal direttore editoriale, Carlo Antonelli. In edicola dallo scorso 23 ottobre, il mensile è stato subito un successo e, dopo le 200mila copie del primo numero e le 100mila del secondo, si è stabilizzato su una diffusione attorno alle 65mila copie e su una raccolta pubblicitaria che frutta circa 400mila euro a numero. Quando nelle scorse settimane si è saputo del fallimento della Ixo Publishing, il fondatore-editore di Rolling Stone , Jan Wenner, si è detto subito disponibile a trovare un nuovo partner e molti editori italiani si sono fatti avanti per rilevare la licenza, prima fra tutti la Mondadori che era molto interessata al progetto. A vincere è stata invece la Quadratum, cioè una casa editrice di medie dimensioni, che da un paio d’anni sta ridisegnando il proprio portafoglio – in aggiunta agli storici La cucina italiana e Intimità , ha lanciato i mensili Viaggi e sapori e Io cucino e ha ceduto Stop – e che Wenner ha giudicato il partner giusto per salvaguardare la formula ideata con successo dalla redazione italiana. Da segnalare anche l’arrivo alla Quadratum di un nuovo direttore marketing, Gianluigi Piccinali, proveniente dalla Rcs Periodici dove era marketing manager dei maschili.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale