Massimo Giannini – Da caporedattore del politico a vice direttore di ‘Repubblica’

A tanto onore Giannini ci arriva a 42 anni giusti, dopo una laurea in legge a Roma, sua città  natale, e una carriera che si è andata via via impinguando di promozioni, esperienza, autorevolezza. Debutta nell’85, con assunzione nell’86, a Economia e Tributi, la rivista del Sole 24 Ore che sarà  poi assorbita dal quotidiano. Nell’aprile dell’88 passa a Repubblica, redazione economia, portatovi da Eraldo Gaffino. Qui sale da vice a caposervizio, da vice a caporedattore nel ’93. La svolta che accende gli spot sulla sua firma avviene nel ’95 quando diventa editorialista della Stampa da Roma. Sono gli anni in cui Carlo Azeglio Ciampi cerca di portare l’Italia in Europa attraverso l’allineamento all’euro. La battaglia lo assorbe, scrive commenti, intervista, fa inchieste, con un impegno che gli merita l’apprezzamento e l’amicizia del futuro capo dello Stato. Ed è proprio come editorialista che Ezio Mauro nel ’97 lo richiama a Repubblica di cui nell’autunno del ’99 diventa capo del politico.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Enit lancia Open Library, il primo database nazionale di foto del Belpaese. Collezione gratuita e accessibile a tutti

Enit lancia Open Library, il primo database nazionale di foto del Belpaese. Collezione gratuita e accessibile a tutti

Candiani (Microsoft): È il momento ideale per trasformarsi. Le best practice di alcune imprese dimostrano l’importanza del digitale

Candiani (Microsoft): È il momento ideale per trasformarsi. Le best practice di alcune imprese dimostrano l’importanza del digitale

IAB Italia: Soddisfatti per le linee guida Agcom sui sistemi di rilevazione degli indici di ascolto nel nuovo ecosistema digitale

IAB Italia: Soddisfatti per le linee guida Agcom sui sistemi di rilevazione degli indici di ascolto nel nuovo ecosistema digitale