Raffaella Finzi – Da caporedattore a vice direttore soft news di ‘Panorama’

Le soft news sono quelle che occupano tutte le ultime 30/50 pagine di Panorama, rubricate sotto le testatine Spettacoli, Società , Piaceri della vita e Periscopio. Una sezione di alleggerimento con in coda la giusta dose di veleno, che spesso fornisce il tema di copertina e che molto ha contribuito a rendere così à  la page il gossip e a dilatare l’universo della mondanità  e della viperia. In verità  già  da sette anni la Finzi governava la materia da caporedattore, ma resta un bell’onore essere promossa a tanto onere da uno come Carlo Rossella, che sa fiutare in queste levità  le più succose polpe giornalistiche. Nata a Milano il 24 aprile 1954, Raffaella Finzi sta a Panorama dall’87, segnalata da Ferdinando Adornato che nel ’78 ne aveva guidato i primi passi professionali a Città  Futura, la rivista della Fgci di cui lui era direttore. Nell’80 viene poi assunta all’Unità  dove resta per cinque anni come cronista di bianca e di spettacoli e da dove scende in corsa all’inizio dell’86.  Poco più di un anno dopo è assunta alla cultura e spettacoli di Panorama e da allora è tutto un salire: caposervizio di ‘Vita moderna’ nel ’90 con Andrea Monti, mamma di Davide nel ’93, pausa, vice caporedattore all’ufficio centrale nel ’95, caporedattore agli esteri nel ’96 con Giuliano Ferrara, e finalmente alle soft news con Nini Briglia nel ’97.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cambio ai vertici dell’affiliata italiana di Philip Morris. Nominati Eleonora Santi, Gianluca Iannelli e Mirko Vaccaro

Cambio ai vertici dell’affiliata italiana di Philip Morris. Nominati Eleonora Santi, Gianluca Iannelli e Mirko Vaccaro

Malagò (Coni) sulla riapertura degli stadi: speriamo novità in settimana, ma così è difficile fare marketing e sinergia commerciale

Malagò (Coni) sulla riapertura degli stadi: speriamo novità in settimana, ma così è difficile fare marketing e sinergia commerciale

Il sogno del Festival della Mente nell’anno della pandemia, fra numeri e futuro

Il sogno del Festival della Mente nell’anno della pandemia, fra numeri e futuro