Michela Gattermayer – Da caporedattore moda di ‘Elle’ a direttore di ‘Flair Living’

Siccome la padrona di casa Marina Carrara non può fare tutto lei – dirigere Flair Living e Casaviva oltre a fare il direttore editoriale di Casafacile e Creare – l’ultima nata in casa Mondadori dal 23 febbraio viene affidata alla signora Gattermayer perché le insegni le tante cose che bisogna sapere in una casa comme il faut senza soffocarne la nativa vivacità , attenuando le rigidezze dell’interior design per un abitare nutrito di attualità  e di emotività . La milanese Gattermayer è un tipino fuori dagli schemi, una giornalista di moda che si occupa con pari competenza di design, che firma una rubrica di cucina, che fa servizi di attualità  in cui coglie i segni del costume nel mutare delle forme e dei consumi. La moda è solo la sua occasione, quella che non ancora ventenne nel 1981 la porta a collaborare a Italian Fashion di Portoria dove resta fino all’84, quando – dopo un rapido passaggio a Linea Italiana di Mondadori – si aggrega a Donna, uno specializzato sofisticato che attorno alla moda fa ruotare il mondo e che richiede versatilità  e gusto. Si occupa di tutto un po’ e tanto di design e settore giovani, ma viene assunta solo nell’87 e un anno dopo passa a Elle dove nel ’99 da caposervizio viene promossa caporedattore.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cambio ai vertici dell’affiliata italiana di Philip Morris. Nominati Eleonora Santi, Gianluca Iannelli e Mirko Vaccaro

Cambio ai vertici dell’affiliata italiana di Philip Morris. Nominati Eleonora Santi, Gianluca Iannelli e Mirko Vaccaro

Malagò (Coni) sulla riapertura degli stadi: speriamo novità in settimana, ma così è difficile fare marketing e sinergia commerciale

Malagò (Coni) sulla riapertura degli stadi: speriamo novità in settimana, ma così è difficile fare marketing e sinergia commerciale

Il sogno del Festival della Mente nell’anno della pandemia, fra numeri e futuro

Il sogno del Festival della Mente nell’anno della pandemia, fra numeri e futuro