Paolo Pagani – Da direttore del ‘Nuovo.it’ a direttore delle news di Sport Italia e di D-Free

Dirige Sport Italia – il canale tivù in chiaro che ha debuttato il 6 febbraio, controllato da Tarak Ben Ammar e da Tf1- la tivù digitale terrestre D-Free e la sua derivata in chiaro Prima per le zone non digitalizzate. Per il canale nazionale di sport olimpici attivo 24 ore su 24 cura l’edizione dei tre notiziari quotidiani generalisti delle ore 13, 17 e 19 (22,55 la domenica) e i contenuti dell’area serale del talk show. La marcia del milanese Pagani attraverso le istituzioni dell’informazione è andata avanti a balzelloni, ma sempre ben aggiornata sui media del momento. Dopo la laurea in filosofia e qualche collaborazione in Mondadori, nell’86, a 29 anni, viene assunto come praticante a Gente Viaggi e tre anni dopo al Giorno dove diventa inviato per lo sport. Ma nel ’99 è già  caposervizio di Cnn Italia, il portale messo su da Cnn con il Gruppo Espresso. Dura un anno e a giugno 2000 entra in Fastweb/e.Biscom come cofondatore del quotidiano telematico Il Nuovo.it di cui diventa caporedattore, vice direttore e infine direttore nel 2003, all’infausta data dell’8 settembre.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Violazione dei sistemi del social e diffusione di dati degli utenti, il Garante avvia istruttoria su LinkedIn. Il social: Dati presi da altri siti

Violazione dei sistemi del social e diffusione di dati degli utenti, il Garante avvia istruttoria su LinkedIn. Il social: Dati presi da altri siti

Tokyo 2020, il Cio butta acqua sul fuoco: I giochi olimpici non sono a rischio, si lavora a un’eccellente riuscita della manifestazione

Tokyo 2020, il Cio butta acqua sul fuoco: I giochi olimpici non sono a rischio, si lavora a un’eccellente riuscita della manifestazione

Mobile World Congress di Barcellona 2021: dopo Ericsson, Sony e Nokia rinuncia anche Google. Per le compagnie incontri online

Mobile World Congress di Barcellona 2021: dopo Ericsson, Sony e Nokia rinuncia anche Google. Per le compagnie incontri online