Umberto Brindani – Da condirettore di ‘Panorama’ a direttore di ‘Gente’

Si sa che le vedove inconsolabili sono quelle che si consolano prima. Non sono passate nemmeno due settimane dalla perdita di Sandro Mayer, da vent’anni direttore di Gente, che il presidente di Hachette Rusconi, Bernard Mellano, si porta in casa Umberto Brindani. Scelta non casuale, perché l’editore vuole trasformare, con cautela, il settimanale da familiare tout court in newsmagazine familiare ricco e moderno. Brindani ci mette del suo prendendo come condirettore Pino Aprile, vice direttore dello storico concorrente Oggi. Umberto Brindani, un 45enne parmense di Busseto, era stato nominato condirettore di Panorama giusto un anno fa dopo esserne stato dall’87 redattore di economia, inviato, caporedattore attualità , all’ufficio centrale con la direzione Andrea Monti nel ’92, vice direttore con Giuliano Ferrara, vice direttore esecutivo e poi condirettore con Carlo Rossella. Dopo la laurea in filosofia a Bologna, ha fatto i corsi dell’Ifg e ha lavorato a Espansione e a Italia Oggi. Buona penna, gestore accorto, gran lavoratore, skipper appassionato ma ancorato a terra dal lavoro, Brindani applicherà  a Gente un registro giornalistico che ben conosce e ben padroneggia.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tokyo 2020, il Cio butta acqua sul fuoco: I giochi olimpici non sono a rischio, si lavora a un’eccellente riuscita della manifestazione

Tokyo 2020, il Cio butta acqua sul fuoco: I giochi olimpici non sono a rischio, si lavora a un’eccellente riuscita della manifestazione

Mobile World Congress di Barcellona 2021: dopo Ericsson, Sony e Nokia rinuncia anche Google. Per le compagnie incontri online

Mobile World Congress di Barcellona 2021: dopo Ericsson, Sony e Nokia rinuncia anche Google. Per le compagnie incontri online

Brunetta: Sbloccati tutti i concorsi pubblici e saranno digitalizzati. Mai più carta e penna

Brunetta: Sbloccati tutti i concorsi pubblici e saranno digitalizzati. Mai più carta e penna