Piero Pantucci – Da libero professionista a direttore di ‘Yourself’

Nuova la testata, nuovo l’editore, nuovo il tema ma notissimo il direttore, da quarant’anni sulla scena giornalistica e sindacale milanese e nazionale. Nato a Rimini nel settembre 1942 ma milanese dall’anno dopo, prima dei vent’anni è già  lì che traffica alla Notte dove viene assunto nel ’64 e dove per 11 anni si occupa di sport, Olimpiadi, giri, campionati del mondo. A fine ’73 passa ad Amica e lì – salvo un anno all’Alto Adige di Bolzano – resta fino all’87 quando passa a Max come caporedattore centrale e nel ’94 a Fit for Fun come coordinatore con funzioni di direttore. Uscito dal gruppo Rcs nel ’97, lavora per tre anni al service medico sanitario di Romano Asuni e altri tre a Dove come coordinatore delle rubriche.
Serio, atletico e ascetico, da buon fondista, coccolato dalle colleghe, Piero Pantucci è stato soprattutto un protagonista delle lotte sindacali nella Rizzoli e a livello nazionale. Dall’80 all’87 è stato nel Cdr di Amica e nel coordinamento sindacale dei periodici del gruppo, da lui stesso promosso, attraversando contratti, cambi di proprietà , crisi P2, commissariamento. Dall’84 è stato nel consiglio nazionale e membro di giunta della Fnsi.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL e post più popolari. Ad agosto domina Che tempo che fa. Il ricordo di Toffa e Strada e gli Azzurri olimpici nei best post

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL e post più popolari. Ad agosto domina Che tempo che fa. Il ricordo di Toffa e Strada e gli Azzurri olimpici nei best post

L’emozione di tornare al cinema nella nuova campagna Hearst presentata a Venezia

L’emozione di tornare al cinema nella nuova campagna Hearst presentata a Venezia

WhatsApp legge i messaggi delle chat. Appaltatori esterni e intelligenza artificiale per esaminare testi, foto e video: l’indagine di ProPublica

WhatsApp legge i messaggi delle chat. Appaltatori esterni e intelligenza artificiale per esaminare testi, foto e video: l’indagine di ProPublica