Franco Perfetti – Da free lance a direttore di ‘VilleGiardini’

Perfetti era uccel di bosco dall’inizio del 2000 quando era uscito dalla Giorgio Mondadori di Urbano Cairo lasciando la direzione di In Viaggio e dei siti delle varie testate. Da allora ha diretto Itinerari Travel, progettato un mensile per Bloomberg e uno per Lauda Air. Libertà  breve perché nel 2002 Nini Briglia, direttore generale dei periodici Mondadori, lo chiama per rifare VilleGiardini, una rivista nata 50 anni fa e vissuta bella e negletta, per collocarla in una ‘nicchia di valore’. Il breefing di Briglia è preciso: riforma grafica radicale e cambio dei contenuti perché cambia il pubblico. Non più i professionisti della casa ma tutti quanti amano la casa nel verde, la sognano, la fanno. Quindi emozioni e suggestioni ma anche consigli pratici. In estate il progetto è approvato, il 20 febbraio debutterà  in edicola. Perfetti è un varesino di 56 anni che – dopo essere stato collaboratore di Panorama per l’economia (’71/’75), caposervizio Affari personali del Mondo (’76/’82), caporedattore e vice direttore di Capital (’82/’86) – ha passato il resto della vita a progettare e dirigere mensili. Nell’86 è socio fondatore e direttore esecutivo di Class, nell’89 progetta e dirige Qualità  e nel ’97 In Viaggio.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL e post più popolari. Ad agosto domina Che tempo che fa. Il ricordo di Toffa e Strada e gli Azzurri olimpici nei best post

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL e post più popolari. Ad agosto domina Che tempo che fa. Il ricordo di Toffa e Strada e gli Azzurri olimpici nei best post

L’emozione di tornare al cinema nella nuova campagna Hearst presentata a Venezia

L’emozione di tornare al cinema nella nuova campagna Hearst presentata a Venezia

WhatsApp legge i messaggi delle chat. Appaltatori esterni e intelligenza artificiale per esaminare testi, foto e video: l’indagine di ProPublica

WhatsApp legge i messaggi delle chat. Appaltatori esterni e intelligenza artificiale per esaminare testi, foto e video: l’indagine di ProPublica