Quotidiani – ‘Unione Sarda’. In fibrillazione per la candidatura di Soru

Tutto i giornalisti dell’Unione Sarda si sarebbero aspettati, ma non che a dare una mano al loro editore Sergio Zuncheddu fosse proprio il segretario regionale dei Ds. Invece due giorni dopo lo sciopero proclamato venerdì sera e che ha impedito l’uscita di sabato 6 dicembre, coinciso con lo sciopero della Nuova Sardegna – un’assenza contemporanea dalle edicole dei due quotidiani regionali che non si era mai verificata in passato per vertenze aziendali – è successa una cosa che nessuno si aspettava: Renato Cugini, segretario dei Ds-sinistra federalista sarda, ha chiamato direttamente l’editore Sergio Zuncheddu per preannunciargli la decisione di dimettersi con una lettera inviata a Piero Fassino. Una mossa che rientra nella lotta sempre più aspra che si è accesa nell’isola dopo la decisione dell’imprenditore Renato Soru di candidarsi alla presidenza della Regione alle elezioni in programma nel 2004.  Formalmente, l’iniziativa di Cugini ha una spiegazione: voleva che la sua lettera uscisse solo sui due quotidiani, senza anticipazioni alle agenzie e alle tivù locali, e la telefonata ai vertici aziendali dell’Unione era per spiegare la sua decisione e chiedere, appunto, che venisse data solo dal quotidiano e non anche dalla principale emittente del gruppo, Videolina, che continua ad avere nell’informazione regionale (con i tg) il suo punto di forza. Con ogni probabilità  la mossa del segretario dei Ds aveva anche un altro scopo, quello cioè di far capire a Sergio Zuncheddu che il centrosinistra sardo è in grado di vincere le prossime elezioni anche se dovesse rinunciare all’immagine e all’effetto-trascinamento del patron di Tiscali. Come dire: sappiamo che Soru non ti piace, ma noi possiamo vincere anche senza di lui. Tienine conto nella linea del giornale.
Di fatto, l’iniziativa del segretario diessino ha, in qualche misura, indebolito la redazione nel momento più delicato di una vertenza aziendale finita non solo col primo di un pacchetto di tre giorni di sciopero, ma soprattutto con una ulteriore fase di tensioni culminate nella netta bocciatura del nuovo direttore Claudio Mori, insediatosi a settembre.

_______________________
Nella foto, Sergio Zuncheddu

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale