- Prima Comunicazione - https://www.primaonline.it -

Comunicazione e pubblicità  – Inter. Campagna acquisti di manager

Una delle critiche che più di frequente giornalisti e tifosi rivolgono al presidente dell’Inter Massimo Moratti è quella di non aver saputo costruire, in quasi dieci anni, una società  con lo stesso peso politico delle rivali Juventus e Milan. L’abilità  del management di una società  di calcio è diventata infatti importante quanto quella dei giocatori e del tecnico che li guida. Proprio da queste considerazioni è nata la decisione del massimo dirigente interista di rivoluzionare l’organigramma della società  istituendo l’inedito ruolo di direttore relazioni istituzionali e sicurezza. A occupare la nuova poltrona è stato chiamato Stefano Filucchi, 44 anni, livornese, che per accettare la proposta di Moratti ha lasciato l’incarico di portavoce del capo della Polizia di Stato. Una persona fino a oggi estranea al mondo del pallone ma profondo conoscitore degli ambienti istituzionali: Filucchi ha ricoperto diversi incarichi all’interno del Dipartimento della pubblica sicurezza, dal 2000 al 2002 è stato security manager della città  di Firenze, ed è membro dell’Unicri, l’Istituto internazionale delle Nazioni unite per la ricerca sul crimine e la giustizia. Il nuovo dirigente interista avrà  il compito di dialogare con quelli che vengono definiti i ‘luoghi di potere’ del calcio (Federazione, Lega, ma anche ministeri, prefetture, questure) con l’obiettivo di valorizzare il prestigio della società . Le novità  in casa nerazzurra non si esauriscono con la nomina di Filucchi. Dal mese scorso, infatti, si è insediato nella sede di via Durini, a Milano, Paolo Viganò, nuovo direttore della comunicazione e capo ufficio stampa. Ex giornalista di Tuttosport, Viganò sostituisce Bruno Bartolozzi, fino a ieri direttore comunicazione e team manager della squadra, che abbandona l’area comunicazione per dedicarsi a tempo pieno agli impegni e alle esigenze organizzative del club. La nomina di Viganò va anche a colmare il vuoto alle redini dell’ufficio stampa creatosi la scorsa estate con il passaggio di Giuseppe Sapienza alla vice direzione comunicazione dei ‘cugini’ del Milan.