Gianluca Marchi – Da inviato di ‘Libero’ a direttore di ‘.com’

Due redivivi in un colpo solo: il quotidiano chiuso da Lillo Perri nel febbraio scorso e il direttore uscito da Libero quando ha capito che la promozione da caporedattore centrale a inviato mirava appunto a inviarlo fuori dai piedi, dove lui ha scelto di andare quando si è accorto che fra direttori, vice e condirettori spazio per lui non ne restava. A chiamarlo a .com è Massimo Bassoli – editore del Giornale d’Italia che Marchi ha diretto dal novembre ’99 all’aprile 2000 – che rileva la testata e l’affitta alla cooperativa Abrond house rappresentata da Rocco De Filippi. Marchi riassume una decina di giornalisti, in gran parte reduci del vecchio .com, e il 5 novembre fa uscire il giornale, simile al vecchio nella veste ma diverso nei contenuti, meno web e più tivù, media, pubblicità , marketing, meno tecnicistico ed economico e più narrativo. Ricche o povere, belle o brutte le testate quotidiane nuove Gianluca Marchi le ha sposate tutte. Dopo gli inizi alla Provincia di Como e l’esperienza di capocronista per cinque anni alla Notte e uno al Giornale, è stato nel ’95 direttore dell’Indipendente in fase leghista e della Padania dal ’96 al ’99. Seguono Il Giornale d’Italia, Libero e .com.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

In Italia nel 2020 l’e-commerce ha superato i 30 miliardi di volume d’affari. Bain & Company: Trend inarrestabile

In Italia nel 2020 l’e-commerce ha superato i 30 miliardi di volume d’affari. Bain & Company: Trend inarrestabile

Nasce il sindacato dei lavoratori di Google, il primo nella Silicon Valley. Il Nyt: una rarità nell’industria hi-tech

Nasce il sindacato dei lavoratori di Google, il primo nella Silicon Valley. Il Nyt: una rarità nell’industria hi-tech

L’Istituto nazionale di fisica nucleare guida un progetto digitale della Ue in difesa del patrimonio culturale europeo

L’Istituto nazionale di fisica nucleare guida un progetto digitale della Ue in difesa del patrimonio culturale europeo