Comunicazione e pubblicità  – Claudio Sabatini. Porta il Futurshow a Milano

Dopo sette edizioni realizzate a Bologna Claudio Sabatini, titolare dell’omonimo gruppo che opera nel settore della creazione di spazi (fiere, negozi) e della comunicazione integrata, ha trovato un accordo con la Fiera di Milano per realizzare la prossima edizione del ‘suo’ Futurshow – dal 18 al 22  novembre 2004 – nel più visibile e strategico capoluogo lombardo. Una scelta dettata esclusivamente da motivazioni d’affari che non scalfisce l’amore dell’imprenditore bolognese per la sua città . Anzi, il legame col capoluogo emiliano è destinato a crescere visto l’impegno profuso quest’estate da Sabatini per salvare la mitica Virtus Bologna, la squadra di basket più importante d’Italia trovatasi a un passo dal fallimento per problemi economici. Una determinazione che non gli è mancata nemmeno di fronte a un ostacolo come quello rappresentato dall’operazione condotta da Paolo Francia, direttore di Raisport, bolognese, vicino ad Alleanza nazionale, che grazie all’appoggio politico della dirigenza locale è riuscito a fondare la Virtus 1934, una giovane compagine iscritta al campionato di serie B d’eccellenza. Due Virtus, però, rischiavano di essere ‘troppe’; quale squadra avrebbe seguito la tifoseria della città ? Valeva ancora la pena investire tempo e soldi in questo ambizioso progetto?  Sabatini non si è perso d’animo, è andato avanti per la sua strada e, grazie all’accordo con i sei giocatori in attesa di stipendio che avevano presentato richiesta di fallimento, ha rilevato le quote di proprietà  della società .

_____________________
Nella foto,
Claudio Sabatini

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale