Xavier Jacobelli – Da direttore del ‘Corriere dello Sport’ a direttore del ‘Giorno’

Al Corriere dello Sport è durato solo dieci mesi e il mistero del licenziamento ancor l’offende. E ci sorprende. Ma Jacobelli s’aggrappa al conforto della matematica che parla di 60 mesi consecutivi di incremento fra Tuttosport e Corriere dello Sport. Flusso virtuoso che ora intende trasferire al Giorno. Ai colleghi milanesi che mugugnano per il decimo direttore in sei anni e per di più uno che da 17 anni  ha fatto solo sport e diretto solo giornali sportivi, ha fatto presente che dal ’79 all’86 lui ha lavorato alla Notte come cronista ma che al loro posto anche a lui sarebbero girate (licenza di linguaggio nostra, ndr), ma che intendeva alzare la media di durata dei direttori del Giorno.  Jacobelli è uno che alza le diffusioni e i toni dei titoli senza mai alzare la voce. Ma oggi ha scariche di entusiasmo. A 43 anni si trova fra le mani questo vecchio giocattolo che è Il Giorno e s’è impuntato di farlo funzionare, come grande giornale popolare di cronaca, sport, spettacoli, e come giornale dei lombardi e soprattutto dei milanesi. E allora via subito con un numero verde per i lettori e con la campagna perché l’Alfa Romeo resti a Milano, mentre alza periscopi sulle amministrazioni, con inchieste, controlli, mobilitazioni.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cambio ai vertici dell’affiliata italiana di Philip Morris. Nominati Eleonora Santi, Gianluca Iannelli e Mirko Vaccaro

Cambio ai vertici dell’affiliata italiana di Philip Morris. Nominati Eleonora Santi, Gianluca Iannelli e Mirko Vaccaro

Malagò (Coni) sulla riapertura degli stadi: speriamo novità in settimana, ma così è difficile fare marketing e sinergia commerciale

Malagò (Coni) sulla riapertura degli stadi: speriamo novità in settimana, ma così è difficile fare marketing e sinergia commerciale

Il sogno del Festival della Mente nell’anno della pandemia, fra numeri e futuro

Il sogno del Festival della Mente nell’anno della pandemia, fra numeri e futuro