Marina Conti – Da vice direttore a direttore di ‘National Geographic Italia’

Il primo giugno Alix Van Buren lascia la direzione del mensile da lei lanciato nel febbraio ’98 e passa agli esteri di Repubblica. Secondo protocollo dinastico le succede la vice Marina Conti cui ora spetta di potenziare il carattere locale dell’edizione italiana del magazine. Romana, 48 anni, Marina Conti è al mensile del Gruppo L’Espresso dalla sua nascita, ancora in fase di progetto dopo aver superato le prove imposte dall’editore per un giornale che molto doveva all’edizione madre americana e alle altre del network National Geographic. Gioco facile visto che la candidata ha trascorso negli Usa gran parte della sua carriera. A New York c’è stata una prima volta dopo la maturità  linguistica, facendosi le ossa con corrispondenze alla Stampa sotto la guida di Ennio Carretto. Tornata in patria nell’85 continua con collaborazioni al Giornale presso la cui redazione romana qualche mese dopo viene assunta con la responsabilità  su spettacoli, moda e società , in specie quella femminile. Nel ’92 si dimette e quando il marito si trasferisce a New York per lavoro, lo segue avviando di lì una collaborazione con L’Espresso su cultura e società . Tornata in Italia nel ’98, lavora per due anni in Rai come programmista-regista prima di saltare in National Geographic.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cambio ai vertici dell’affiliata italiana di Philip Morris. Nominati Eleonora Santi, Gianluca Iannelli e Mirko Vaccaro

Cambio ai vertici dell’affiliata italiana di Philip Morris. Nominati Eleonora Santi, Gianluca Iannelli e Mirko Vaccaro

Malagò (Coni) sulla riapertura degli stadi: speriamo novità in settimana, ma così è difficile fare marketing e sinergia commerciale

Malagò (Coni) sulla riapertura degli stadi: speriamo novità in settimana, ma così è difficile fare marketing e sinergia commerciale

Il sogno del Festival della Mente nell’anno della pandemia, fra numeri e futuro

Il sogno del Festival della Mente nell’anno della pandemia, fra numeri e futuro