Luigi Grella – Da direttore di ‘Qui Touring’ a direttore del mensile ‘Airone’

Dopo quello di Ernesto Mauri, amministratore delegato del gruppo, Urbano Cairo mette a segno un altro colpo estivo accaparrandosi i servizi di Grella, uno che ha preso la guida di Qui Touring nel giugno ’99 e lo ha reinventato nella grafica e nei contenuti. Risultato: più copie vendute anche in edicola e fatturato pubblicitario raddoppiato. Successo anche per gli speciali della serie da lui inventata, di cui stanno per uscire i titoli Piemonte e India. Non male tenuto conto che i soci del Touring Club italiano, per i quali è nato il mensile, sono in calo. Ora deve vedersela con Airone, testata totem dell’ambientalismo, ma che negli anni ha dimezzato il parco lettori, dovendo fare i conti con una concorrenza multimediale e con i mutati costumi e interessi. Si tratta di lavorare sui contenuti ma soprattutto di farlo sapere. E per questo sarà  preziosa la sinergia con La 7. Nato a Vercelli il 24 gennaio 1961, dopo la laurea in scienze politiche e collaborazioni al Mondo e a Capital, Grella è assunto nell’89 a Italia Oggi, gestione Montedison. Dopo un anno all’ufficio stampa della Rinascente e due anni da free lance (Affari e Finanza, Il Messaggero), nel ’95 entra al Touring Club, come responsabile dell’ufficio stampa e del centro studi.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cambio ai vertici dell’affiliata italiana di Philip Morris. Nominati Eleonora Santi, Gianluca Iannelli e Mirko Vaccaro

Cambio ai vertici dell’affiliata italiana di Philip Morris. Nominati Eleonora Santi, Gianluca Iannelli e Mirko Vaccaro

Malagò (Coni) sulla riapertura degli stadi: speriamo novità in settimana, ma così è difficile fare marketing e sinergia commerciale

Malagò (Coni) sulla riapertura degli stadi: speriamo novità in settimana, ma così è difficile fare marketing e sinergia commerciale

Il sogno del Festival della Mente nell’anno della pandemia, fra numeri e futuro

Il sogno del Festival della Mente nell’anno della pandemia, fra numeri e futuro