Luigi Grella – Da direttore di ‘Qui Touring’ a direttore del mensile ‘Airone’

Dopo quello di Ernesto Mauri, amministratore delegato del gruppo, Urbano Cairo mette a segno un altro colpo estivo accaparrandosi i servizi di Grella, uno che ha preso la guida di Qui Touring nel giugno ’99 e lo ha reinventato nella grafica e nei contenuti. Risultato: più copie vendute anche in edicola e fatturato pubblicitario raddoppiato. Successo anche per gli speciali della serie da lui inventata, di cui stanno per uscire i titoli Piemonte e India. Non male tenuto conto che i soci del Touring Club italiano, per i quali è nato il mensile, sono in calo. Ora deve vedersela con Airone, testata totem dell’ambientalismo, ma che negli anni ha dimezzato il parco lettori, dovendo fare i conti con una concorrenza multimediale e con i mutati costumi e interessi. Si tratta di lavorare sui contenuti ma soprattutto di farlo sapere. E per questo sarà  preziosa la sinergia con La 7. Nato a Vercelli il 24 gennaio 1961, dopo la laurea in scienze politiche e collaborazioni al Mondo e a Capital, Grella è assunto nell’89 a Italia Oggi, gestione Montedison. Dopo un anno all’ufficio stampa della Rinascente e due anni da free lance (Affari e Finanza, Il Messaggero), nel ’95 entra al Touring Club, come responsabile dell’ufficio stampa e del centro studi.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Si dimette il presidente dell’Enea Federico Testa. Lettera al ministro Cingolani, impedimento per motivi personali

Si dimette il presidente dell’Enea Federico Testa. Lettera al ministro Cingolani, impedimento per motivi personali

Battuta d’arresto per l’editoria per ragazzi, vendite a -1,3% nel 2020. Levi (Aie): Cresce il nostro impegno a favore del settore

Battuta d’arresto per l’editoria per ragazzi, vendite a -1,3% nel 2020. Levi (Aie): Cresce il nostro impegno a favore del settore

TOP GIORNALISTI più attivi sui social a maggio. Scanzi ancora davanti a tutti, Tosa e Mentana sul podio

TOP GIORNALISTI più attivi sui social a maggio. Scanzi ancora davanti a tutti, Tosa e Mentana sul podio