Marino Longoni – Da caporedattore a vice direttore di ‘Italia Oggi’

In pratica manco si sente perché la direzione dell’editore Paolo Panerai è un ‘total coverage’ delle testate del gruppo che lascia ai suoi vice pieni poteri. Tanto più la cosa vale per uno come Longoni che prima della recente nomina, oltre alla dozzina di pagine della sezione ‘Diritto e fisco’ di sua competenza, già  curava la collana delle ‘Guide di Italia Oggi’, una ventina di istant books all’anno, mentre da qualche mese produce e firma le nuove testate di una collana professionale i cui primi due titoli sono: Frel, settimanale sugli enti locali, e Nds, quindicinale sulla riforma del diritto societario. Brianzolo di Giussano, laurea in giurisprudenza alla Statale di Milano, Marino Longoni inizia come collaboratore a testate locali di informazione, tipo Il Cittadino di Monza o Il Resegone di Lecco, e viene assunto a Italia Oggi nel ’90 giusto in tempo per assistere al tracollo della gestione Ferruzzi e al passaggio della testata in Class Editori che la reinventa. Fra le novità  c’è anche la sezione ‘Diritto e fisco’ che viene subito affidata a Longoni che intanto cresce da vice a caposervizio, da vice a caporedattore nel ’95.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL e post più popolari. Ad agosto domina Che tempo che fa. Il ricordo di Toffa e Strada e gli Azzurri olimpici nei best post

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL e post più popolari. Ad agosto domina Che tempo che fa. Il ricordo di Toffa e Strada e gli Azzurri olimpici nei best post

L’emozione di tornare al cinema nella nuova campagna Hearst presentata a Venezia

L’emozione di tornare al cinema nella nuova campagna Hearst presentata a Venezia

WhatsApp legge i messaggi delle chat. Appaltatori esterni e intelligenza artificiale per esaminare testi, foto e video: l’indagine di ProPublica

WhatsApp legge i messaggi delle chat. Appaltatori esterni e intelligenza artificiale per esaminare testi, foto e video: l’indagine di ProPublica