Marino Longoni – Da caporedattore a vice direttore di ‘Italia Oggi’

In pratica manco si sente perché la direzione dell’editore Paolo Panerai è un ‘total coverage’ delle testate del gruppo che lascia ai suoi vice pieni poteri. Tanto più la cosa vale per uno come Longoni che prima della recente nomina, oltre alla dozzina di pagine della sezione ‘Diritto e fisco’ di sua competenza, già  curava la collana delle ‘Guide di Italia Oggi’, una ventina di istant books all’anno, mentre da qualche mese produce e firma le nuove testate di una collana professionale i cui primi due titoli sono: Frel, settimanale sugli enti locali, e Nds, quindicinale sulla riforma del diritto societario. Brianzolo di Giussano, laurea in giurisprudenza alla Statale di Milano, Marino Longoni inizia come collaboratore a testate locali di informazione, tipo Il Cittadino di Monza o Il Resegone di Lecco, e viene assunto a Italia Oggi nel ’90 giusto in tempo per assistere al tracollo della gestione Ferruzzi e al passaggio della testata in Class Editori che la reinventa. Fra le novità  c’è anche la sezione ‘Diritto e fisco’ che viene subito affidata a Longoni che intanto cresce da vice a caposervizio, da vice a caporedattore nel ’95.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Nasce il sindacato dei lavoratori di Google, il primo nella Silicon Valley. Il Nyt: una rarità nell’industria hi-tech

Nasce il sindacato dei lavoratori di Google, il primo nella Silicon Valley. Il Nyt: una rarità nell’industria hi-tech

L’Istituto nazionale di fisica nucleare guida un progetto digitale della Ue in difesa del patrimonio culturale europeo

L’Istituto nazionale di fisica nucleare guida un progetto digitale della Ue in difesa del patrimonio culturale europeo

Vaccarono (Google) e Cereda (Ibm) nel board della Veneranda Fabbrica del Duomo. Il presidente Confalonieri: un prezioso sostegno per le sfide future

Vaccarono (Google) e Cereda (Ibm) nel board della Veneranda Fabbrica del Duomo. Il presidente Confalonieri: un prezioso sostegno per le sfide future