Alessandro Vocalelli – Da vice direttore a direttore del ‘Corriere dello Sport’

E così il 10 settembre Vocalelli si trova a firmare il suo primo editoriale da direttore. Una carriera felicemente ‘bouleversée’ dagli eventi per questo fedele servitore della casa, entrato come praticante al Corriere dello Sport nell’80, e maturato in versatili qualità  di scrittura, di redazione e di organizzazione. Nato a Roma il 9 aprile 1959, dopo gli esordi nelle radio e tivù private romane, Vocalelli ha seguito per anni come inviato la grande Roma di Dino Viola e la grande Lazio di Cragnotti prima di passare al desk del giornale. Ogni direttore una promozione: redattore con Giorgio Tosatti, suo modello di riferimento, inviato con Domenico Morace, caposervizio con Italo Cucci, caporedattore con Mario Sconcerti, vice direttore con Jacobelli giusto dieci mesi fa.Oltre a un piano di salvaguardia della redazione c’è alle viste il rilancio del giornale che entro ottobre subirà  un restyling e un riassetto della formula: vis polemica appoggiata a grande competenza tecnica, più grandi storie.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cambio ai vertici dell’affiliata italiana di Philip Morris. Nominati Eleonora Santi, Gianluca Iannelli e Mirko Vaccaro

Cambio ai vertici dell’affiliata italiana di Philip Morris. Nominati Eleonora Santi, Gianluca Iannelli e Mirko Vaccaro

Malagò (Coni) sulla riapertura degli stadi: speriamo novità in settimana, ma così è difficile fare marketing e sinergia commerciale

Malagò (Coni) sulla riapertura degli stadi: speriamo novità in settimana, ma così è difficile fare marketing e sinergia commerciale

Il sogno del Festival della Mente nell’anno della pandemia, fra numeri e futuro

Il sogno del Festival della Mente nell’anno della pandemia, fra numeri e futuro