Gabriella Mecucci – Da free lance a direttore del ‘Giornale dell’Umbria’

Si tratta di prendere un piccolo tabloid da 500 copie di diffusione fondato tre anni fa da Gigi Piccolo, un venditore di pubblicità  perugino, e trasformarlo in un quotidiano capace di fare vera concorrenza alla testata leader sulla piazza, il Corriere dell’Umbria di Alberto Donati. Così vuole il nuovo editore, cioè la cordata di imprenditori umbri guidati da Carlo Colaiacovo, grosso industriale cementiero di Gubbio, presidente della Fondazione della Banca dell’Umbria nonché titolare di Umbria Tv, di Telegubbio e di Radiogubbio. A lei ora il compito di mettere a punto un giornale popolare per il grande spazio concesso allo sport, ma influente sulla classe dirigente della regione mettendo al centro la politica e l’economia. Per l’impresa Gabriella Mecucci presenta credenziali di peso. Sa di cosa e di chi parla essendo nata a Perugia nel 1953; conosce bene la politica, l’economia e i giornali avendo lavorato per 28 anni all’Unità , da cui è uscita nel 2000 quando ha chiuso e cambiato editore. È stata caposervizio economia, caporedattore cultura e inviato. È una riformista che ha scritto per Il Foglio e per Il Sole e che sta scrivendo un libro sul pacifismo.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tokyo 2020, il Cio butta acqua sul fuoco: I giochi olimpici non sono a rischio, si lavora a un’eccellente riuscita della manifestazione

Tokyo 2020, il Cio butta acqua sul fuoco: I giochi olimpici non sono a rischio, si lavora a un’eccellente riuscita della manifestazione

Mobile World Congress di Barcellona 2021: dopo Ericsson, Sony e Nokia rinuncia anche Google. Per le compagnie incontri online

Mobile World Congress di Barcellona 2021: dopo Ericsson, Sony e Nokia rinuncia anche Google. Per le compagnie incontri online

Brunetta: Sbloccati tutti i concorsi pubblici e saranno digitalizzati. Mai più carta e penna

Brunetta: Sbloccati tutti i concorsi pubblici e saranno digitalizzati. Mai più carta e penna