Vittorio Corona – Da libero consulente a direttore di ‘Laureus’

Torna a mostrarsi in pubblico, per mano al figlio nel service Corona & Corona, la mente più creativa sulla scena italiana dei mensili, con il trimestrale della Fondazione Laureus World Sport Awards, da lui ideato assieme a Monty Shadow, ma edito e realizzato dalla Swan Group di Franz Botré e soci, editrice anche di Monsieur, di Roger, di Spirito di vino.
È una rentrée di grande sfarzo e prestigio per l’importanza dello sponsor che raduna i più grandi nomi dello sport, per la qualità  sublime di un prodotto che si serve dei più grandi fotografi del mondo, per l’impegno civile con cui è trattata la materia, per il carattere internazionale dell’impresa.  Il primo numero di Laureus, the Spirit of Sport, distribuito il 17 maggio con The Guardian e con il Corriere della Sera delle ore 7, ha distribuito 100mila copie, di cui 30mila gratuite, al prezzo di 10 euro, in due edizioni: una in inglese a Montecarlo e una in italiano in Italia. Ma trattative sono in corso per portarlo in autunno in Germania, Russia, Francia e Spagna, sempre trainati da grandi testate quotidiane. Cosa che faciliterà  di molto la stipulazione di contratti pubblicitari internazionali.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cambio ai vertici dell’affiliata italiana di Philip Morris. Nominati Eleonora Santi, Gianluca Iannelli e Mirko Vaccaro

Cambio ai vertici dell’affiliata italiana di Philip Morris. Nominati Eleonora Santi, Gianluca Iannelli e Mirko Vaccaro

Malagò (Coni) sulla riapertura degli stadi: speriamo novità in settimana, ma così è difficile fare marketing e sinergia commerciale

Malagò (Coni) sulla riapertura degli stadi: speriamo novità in settimana, ma così è difficile fare marketing e sinergia commerciale

Il sogno del Festival della Mente nell’anno della pandemia, fra numeri e futuro

Il sogno del Festival della Mente nell’anno della pandemia, fra numeri e futuro