EDITORIA: MARCO BENEDETTO, I GIORNALI NON MORIRANNO

EDITORIA: MARCO BENEDETTO, I GIORNALI NON MORIRANNO
ROMA
(ANSA) – ROMA, 8 MAR – “I giornali non moriranno”. Parola di Marco Benedetto, ex amministratore delegato dell’Espresso e oggi vicepresidente del gruppo, intervistato dal Sole 24 Ore in vista del debutto del suo “Blitz”, quotidiano on line che egli stesso definisce “aggregatore di notizie”. “Non siamo all’apocalisse. Il bisogno di informazione ci sarà  sempre. A non esserci più sono i soldi. O meglio – precisa – non ci sono più tutti quelli che servono per fare un giornale di carta”. Benedetto definisce Internet “croce e delizia” perché “rappresenta una minaccia per l’editoria tradizionale, ma serve la democrazia dell’accesso perché ha drasticamente abbassato i costi”. Il crollo delle risorse economiche è da imputare, per il vicepresidente dell’Espresso, soprattutto alla pubblicità , mentre i lettori diminuiscono “per effetto dell’offerta televisiva e delle fotocopie: non c’é rassegna stampa dove manchino – puntualizza -. Così si perdono copie tanto che gli editori volevano mettere una tassa, ma non se ne fece mai nulla”. “La carta non muore – ribadisce – semmai potrà  cambiare il modo in cui la si mette in mano ai lettori. Oggi vanno all’edicola, domani gliela si porta a casa”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo