GIORNALISMO:URBINO;FORSE NON E’ MORTO, MA CERTO NON STA BENE

GIORNALISMO:URBINO;FORSE NON E’ MORTO, MA CERTO NON STA BENE
URBINO
(ANSA) – URBINO, 16 MAR – Il giornalismo forse non è morto, ma, certo, non sta molto bene. E’ quanto, in sintesi, è emerso dal convegno “L’indipendenza di giornali e Tv e il funzionamento della democrazia” svoltosi oggi alla Facoltà  di Sociologia dell’Università  di Urbino. Assente per malattia Giovanni Sartori, il moderatore e direttore della Scuola di Giornalismo di Urbino Raffaele Fiengo, dopo i saluti, ha dato la parola a Carlo Vulpio, inviato del Corriere della Sera, secondo il quale “il giornalismo è finito. Dobbiamo chiederci se esiste ancora il giornalismo – ha sottolineato- se non ci dobbiamo preparare ad altri modi di comunicazione pubblica, se i giornali non si vendono non perché c’é Internet, ma perché sono fatti male, per quello che non scrivono e che non si deve sapere”. Tra gli interventi, quello del presidente della Federazione Nazionale della Stampa, Roberto Natale: “Non direi che il giornalismo è morto – ha detto-, direi piuttosto che se la passa male. Con disegni di legge come quelli di Mastella, prima, e di Alfano, adesso. Con editori con interessi in vari settori: immobiliare, finanziario, adesso anche sanitario ed energetico. E poi, la Legge Gasparri, la riforma dell’Ordine e le procedure d’ingresso alla categoria, con 1.500 aspiranti giornalisti e due-trecento posti reali”. Pessimista il sociologo Ilvo Diamanti: “I giornali non li legge più nessuno – ha detto- tutti i grandi giornali, in Usa come in Francia, sono in gravi difficoltà . L’informazione buona, il giornalismo d’inchiesta costano. Ma se i giovani non leggono i giornali, se i giornali non vengono acquistati, se l’informazione online è gratuita, chi pagherà  il buon giornalismo?”. Per lo storico Franco Cardini, il problema principale è il “disinteresse e l’inadeguatezza dell’opinione pubblica, che non si cura delle notizie serie, ma solo di quelle di gossip”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari