INTERNET: ESPERTI E POLITICI, NON METTERE IN GABBIA FACEBOOK

INTERNET: ESPERTI E POLITICI, NON METTERE IN GABBIA FACEBOOK
ROMA
(ANSA) – ROMA, 25 MAR – Non importa quale sarà  il futuro di Facebook, che alcuni analisti danno già  in caduta, quello che importa è che i social network sono fondamentali per imparare a stare nella Rete e autoregolamentarsi. Anche in un momento critico per gli internauti, come dimostra la volontà  del governo inglese di monitorare i dati di Facebook contro il terrorismo e la criminalità . Queste alcune delle riflessioni emerse al convegno ‘Fenomeno Facebook’, promosso dal professor Enrico Menduni all’Università  Roma Tre, a cui hanno partecipato anche Paolo Gentiloni e Giovanna Melandri del Pd e Mauro Paissan, componente dell’Autorità  per la privacy. “In Gran Bretagna il governo colleziona dati di 25 milioni di utenti dei social network – afferma Gentiloni – Ci sono cose da non fare: una di queste è immaginare di mettere in gabbia Internet. Adottare una linea di repressione non funziona: stiamo attenti anche al comitato anti-pirateria insediato dal governo, se andasse in questa direzione si dovrebbe organizzare una mobilitazione”.”Nessuna falla in Internet può uccidere nuove forme di comunicazione come i social network – spiega Melandri – e l’idea che il potere esecutivo possa intervenire a regolamentare gli abusi è tutt’altro che assente anche dal nostro panorama politico. La politica deve essere progressista su questi temi non si può attestare su un sistema di allarme e chiusura”. “I social network come Facebook non vanno demonizzati – osserva Paissan – Sono uno strumento di grande utilità  e divertimento, bisogna solo sapere che si mangiano la nostra privacy e i migliori garanti dei nostri dati personali siamo noi stessi. E’ importante dunque la consapevolezza dei rischi e delle opportunità  connessi al loro uso”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)