SEAT:CRISTOFORI,GESTIONE PIU’ TRANQUILLA DA AUMENTO CAPITALE

SEAT:CRISTOFORI,GESTIONE PIU’ TRANQUILLA DA AUMENTO CAPITALE
MILANO
(ANSA) – MILANO, 26 MAR – L’aumento di capitale da 200 milioni che partirà  a fine mese garantirà  a Seat Pg la tranquillità  sul fronte finanziario per andare avanti nei prossimi anni e per crescere, in particolare su Internet, anche con accordi sulla falsariga di quello siglato con Google. Questo il senso dell’operazione che ha ottenuto oggi il via libera della Consob. “L’aumento è l’ultimo tassello fra le varie iniziative fatte sul lato del debito”, premette il direttore finanziario di Seat, Massimo Cristofori, in una conversazione con l’ANSA, ricordando che il gruppo “ha rinegoziato con le banche tutto il debito e i covenant (clausole, ndr), che ammonta a 3 miliardi di euro”. “L’aumento di capitale ci consente di aumentare la flessibilità  dell’azienda per gestire senza vincoli finanziari questi tre anni fino al 2012 quando dovremo rinegoziare il debito”, prosegue il manager segnalando che l’accordo con Google ne è un esempio. “Vogliamo espandere la nostra presenza in area Internet e non escludo altri accordi di carattere più locale e tecnico in futuro”, ha aggiunto. Riguardo al prezzo per la ricapitalizzazione, Cristofori ha sottolineato che per gli attuali soci “é neutrale, perché è compensato dal valore del diritto mentre per i nuovi lo sconto é del 46%. “Con Mediobanca, che garantirà  l’inoptato, abbiamo fatto tutto il possibile per rendere attraente l’operazione”, ha sottolineato, ammettendo peraltro che “per il mercato non è un momento fantastico”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)