TLC: WEF; TECNOLOGIA ITALIA SCIVOLA A 45/O POSTO MONDO

TLC: WEF; TECNOLOGIA ITALIA SCIVOLA A 45/O POSTO MONDO
LO SCORSO ANNO ERA AL 42/O; SUL PODIO DANIMARCA, SVEZIA E USA
GINEVRA
(ANSA) – GINEVRA, 26 MAR – Perde ancora terreno l’Italia delle nuove tecnologie e scivola dietro paesi come Tunisia e Giordania. Nella classifica annuale del World Economic Forum (Wef) sulle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (Ict), il Paese è sceso dal già  poco glorioso 42/o posto (su 127) dell’anno scorso al 45/o, su un totale di 134 Paesi. Giunta all’ottava edizione, la classifica del Global Information Technology Report 2008-2009 è guidata da Danimarca e Svezia, seguiti dagli Stati Uniti che salgono di un posto e giungono terzi. Singapore è quarto e la Svizzera quinta. Chiudono la graduatoria Zimbabwe, Timor est e Ciad. Come l’anno scorso, l’Italia – con un punteggio di 4,16 contro il 5,85 del primo della classe – è preceduta da tutti i grandi Paesi membri del G7: oltre agli Usa terzi, Canada decimo, Regno Unito quindicesimo, Giappone (17), Francia (19) e Germania (20). E’ inoltre scavalcata da paesi come la Tunisia (38/a) o la Giordania (44/a). Precede appena la Cina, salita di 11 posizioni al 46/o posto. La classifica del rapporto è stilata in base del Networked Readiness Index, che misura la propensione dei Paesi a sfruttare efficacemente le Ict da tre punti di vista: contesto (commerciale, regolatorio e infrastrutture), capacità  di individui, aziende e governi a trarre vantaggi delle Ict ed infine l’utilizzo effettivo delle tecnologie. Alla voce ‘contesto’, l’Italia resta penalizzata dai bassi voti ottenuti in materie quali gli effetti e l’estensione della tassazione (129/a), il peso delle regolamentazioni governative (130) o i tempi per attuare un contratto (121). Sul fronte ‘capacita”, il Paese risulta penalizzato dalla bassa importanza attribuita dal governo alle Ict (125), ma globalmente i voti sono discreti, in particolare per il costo della banda larga(3). Nel capitolo ‘utilizzo’, l’Italia è settima per utenti di telefonia mobile. Per Irene Mia, Senior Economist del Wef e co-autrice del rapporto, il successo delle economie prime in classifica mostra la strada da percorre, con l’accento posto su educazione, innovazione e accesso. Per l’esperta “settore pubblico e privato non devono perdere di vista l’importanza dell’informazione quale fattore importante della crescita e della competitività  in tempo di crisi”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti