EDITORIA: SIDDI,AUGURI A DE BORTOLI CHE GUARDA A NUOVE SFIDE

EDITORIA: SIDDI,AUGURI A DE BORTOLI CHE GUARDA A NUOVE SFIDE
ROMA
(ANSA) – ROMA, 10 APR – Il segretario della Federazione nazionale della stampa, fa gli auguri a Ferruccio De Bortoli, che da oggi firma il Corriere della Sera e si presenta con un editoriale, intitolato Quell’Italia che ce la fa, dedicato al ruolo dei media nell’emergenza Abruzzo, ma anche all’importanza dell’informazione per la democrazia e all’utilità  dei giornali. “L’editoriale con il quale oggi Ferruccio De Bortoli ha presentato la sua nuova stagione di direzione del Corriere della Sera – commenta Siddi – e prima ancora l’ampio consenso ricevuto dai colleghi dimostrano quanta attenzione ci sia nelle parti migliori dell’informazione giornalistica a indicazioni autorevoli e credibili e quanto ci sia bisogno di guardare alle nuove sfide”. “De Bortoli, al quale va il mio augurio più sentito di buon lavoro – continua Siddi – con serenità  e profondità  di ragionamento conferma la forza dell’indipendenza del giornalismo, un bene da cui dipende la qualità  della vita democratica. De Bortoli, infine, con delicatezza e grande consapevolezza, nel programma illustrato ai colleghi, ha sollecitato l’attenzione sulle nuove sfide dell’informazione integrata e della multimedialità , uscendo da ogni corporativismo e riconoscendo il valore assoluto del Corriere nella sua testata storica come, con pari dignità , in quella web e nelle testate locali. Valori da ricomprendere nella stagione dei cambiamenti e anche, come ha rilevato, di una crisi da affrontare come opportunità  per riqualificare tutto il sistema”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari