BPM: ANCHE PONZELLINI SU YOUTUBE, MODELLO BANCA VA PROMOSSO

BPM: ANCHE PONZELLINI SU YOUTUBE, MODELLO BANCA VA PROMOSSO
MILANO
(ANSA) – MILANO, 14 APR – Anche il candidato alla presidenza della Banca Popolare di Milano, Massimo Ponzellini, approda sul web e lancia un proprio messaggio in vista dell’assemblea degli azionisti del 25 aprile, chiamata a rinnovare il consiglio d’amministrazione. Una mossa simile a quella a firma del presidente uscente, Roberto Mazzotta, che è apparso su YouTube nelle ultime ventiquattr’ore. Ma stavolta i toni sono diversi, visto che nell’appello il candidato dell’Associazione Amici Bipiemme (che nomina la maggioranza del Cda della banca) punta a difendere il modello di governance della popolare. “Il modello di questa banca – ha spiegato Ponzellini al direttore del sito ‘Clandestinoweb’, Ambrogio Crespi – è il vero patrimonio che dobbiamo difendere e promuovere”. “Sicuramente – spiega il numero uno di Impregilo – la crisi attuale ha colpito di più le banche che avevano modelli di governance di tipo capitalistico puro e con estensioni su mercati internazionali senza avere capacità  finanziarie di controllo che potessero in qualche modo fargli capire cosa stava succedendo”. E così le grandi banche “si sono indebolite e indebolendosi” gli istituti “di media misura, come la nostra banca, possono sicuramente avere un ruolo maggiore”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti