TLC: CITELLI (ARIA), BUROCRAZIA COMUNI RALLENTA INSTALLAZIONE WIMAX

TLC: CITELLI (ARIA), BUROCRAZIA COMUNI RALLENTA INSTALLAZIONE WIMAX
(ASCA-CORRIERE COM.) – Roma, 14 apr – Lo spiegamento del Wimax sta incontrando qualche ostacolo anche a causa delle resistenze dei Comuni. A rivelarlo Mario Citelli, Ad di Aria, unico provider italiano ad essersi aggiudicato la licenza per il Wimax sull’intero territorio nazionale, in un’intervista che sara’ pubblicata sul prossimo numero del Corriere delle Comunicazioni e che e’ anticipata sul sito www.corrierecomunicazioni.it. Entro dicembre verranno realizzate 1000 base stations, ma il business plan di Aria ha subito una riorganizzazione al ribasso e i tempi si allungano. ”Anche per quanto riguarda gli accordi con i Comuni – spiega Citelli – ci sono problemi di tipo economico e molto variegati. Ed ogni comune e’ un caso a se’. Alcuni non possono gestire i permessi, alcuni non hanno copertura economica e in altri sono i cittadini a non volere il Wimax per la questione delle onde elettromagnetiche”. Un esempio della difficolta’ negli accordi con il territorio e’ la Toscana, ”territorio molto sensibile al tema dell’inquinamento elettromagnetico”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)