Tiscali/ Ernst&Young non si esprime su bilancio, società  contesta

Tiscali/ Ernst&Young non si esprime su bilancio, società  contesta
Revisore: incertezze di rilievo sulla continuità  aziendale

Milano, 15 apr. (Apcom) – Ernst&Young dichiara di non essere in grado di esprimere un giudizio sul bilancio 2008 di Tiscali per “le incertezze di rilievo” sulla continuità  aziendale. Lo comunica una nota dell’Isp sardo, che contesta le conclusioni della relazione della società  di revisione, ritenendo di aver collaborato al meglio e di avere fornito tutta l’informativa necessaria per consentire a Ernst&Young l’emissione del giudizio sul bilancio.
La società  di revisione – spiega la nota – rinvia a quanto già  espresso dal cda di Tiscali nella relazione sulla gestione, ossia che il presupposto per la continuità  aziendale e la realizzazione del piano industriale, si basano sulla positiva conclusione del processo di rinegoziazione del debito con i principali istituti finanziatori. A tal proposito Tiscali evidenzia di aver già  ottenuto un periodo di standstill dalle banche, che si sono dichiarate disponibili con una lettera condivisa con la società  di revisione a estendere il periodo di standstill fino al 31 dicembre, “orizzonte questo coerente con quello della continuità  aziendale ai fini della revisione contabile”, spiega il gruppo sardo. Inoltre, Tiscali ritiene che il processo di rinegoziazione del debito, già  avviato, possa concludersi nei tempi previsti dallo standstill.
Il collegio sindacale di Tiscali, nelle sue relazioni sul bilancio 2008, “ritiene fondata la valutazione di sussistenza della continuità  aziendale formulata dagli amministratori, basata sulla realizzazione del piano industriale e sulla ragionevole probabilità  di concludere un accordo con gli istituti finanziari nei tempi di moratoria”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)