Microsoft: Ecis si unisce ad indagine Antitrust Ue

Microsoft: Ecis si unisce ad indagine Antitrust Ue

BRUXELLES (MF-DJ)–Il gruppo tecnologico Ecis si e’ unito alla causa di Antitrust dell’Ue contro Microsoft per abuso di posizione di dominante nel mercato dei browser dedicati alla navigazione in Rete.
L’assunto della Commissione Europea e’ che il colosso sattunitense sta violando le regole della libera concorrenza dal momento che obbligherebbe gli utenti che utilizzano il proprio sistema operativo Windows ad utilizzare il browser Internet Explorer che viene fornito insieme a Windows stesso da Microsoft. Ecis e’ una societa’ nel cui capitale figurano Ibm, Nokia, Oracle ed altre societa’ rivali di Microsoft e che stanno guardando con interesse alla causa lanciata dalla Ue.
Thomas Vinje, portavoce di Ecis, ha dichiarato che il gruppo spera che l’indagine della Commissione Europea avvalli le tesi dei gruppi rivali di Microsoft che puntano ad ottenere una libera scelta per gli utenti di Windows in merito al browser per la navigazione su Internet. In particolare Ecis punterebbe ad una gestione piu’ trasparente e libera di Internet senza che i servizi offerti in Rete siano veicolati da un software prodotto da un solo colosso come e’ Microsoft.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)