USA: ADOLESCENTI SEMPRE PIU’ SCHIAVI DEGLI SMS

USA: ADOLESCENTI SEMPRE PIU’ SCHIAVI DEGLI SMS / ANSA
MEDICI, INSEGNANTI PREOCCUPATI PER CRAMPI E CALO ATTENZIONE
NEW YORK
(ANSA) – NEW YORK, 26 MAG – Gli adolescenti statunitensi sono sempre più schiavi degli sms. Se ne sono accorti i loro medici, alle prese con giovani pazienti sofferenti per crampi alle articolazioni, disturbi muscolari e problemi ai tendini. Da quando le compagnie telefoniche americane hanno lanciato offerte che permettono di inviare un numero illimitato di messaggi pagando una cifra mensile fissa, i ragazzi hanno raddoppiato in pochi mesi il numero degli sms inviati. Se la media nel 2008 è stata di 80 al giorno (contro i 40 del 2007), alcuni studenti sono arrivati a scriverne 800 in 24 ore. Il fenomeno ha cominciato a mettere in guardia anche psicologi e insegnanti, che hanno notato i primi effetti collaterali. I giovani più legati alla piccola tastiera hanno difficoltà  a concentrarsi a scuola e si svegliano di continuo durante la notte non appena il loro telefonino comincia a vibrare. Sherry Turkle, uno psicologo che lavora al Massachusetts Institute of Technology di Boston, si è detto preoccupato delle conseguenze che questa mania potrebbe avere sulla loro crescita. “L’adolescenza è il tempo durante il quale ci si comincia a separare dai genitori e si cerca di capire che tipo di persona diventare da adulti. Ma se la tecnologia ti permette di restare in contatto di continuo, è difficile riuscirci. Come ci si può rendere indipendenti quando si mandano 15 sms al giorno alla mamma per chiedere quali scarpe abbinare alla camicia?”. Inoltre, notano gli esperti, i ragazzi hanno difficoltà  a completare un lavoro senza interrompersi. Se vengono raggiunti da un sms ogni cinque minuti è impossibile che riescano a portare a termine una sola riflessione. La tentazione di rispondere immediatamente è troppo forte. Medici e insegnanti ammettono che per ora i genitori non hanno mostrato segni di allarme. Non dovendo più pagare per ogni sms inviato, le madri non si preoccupano nel vedere i loro figli costantemente chini sullo schermo luminoso del telefonino. E se decidono di vietare un uso eccessivo del cellulare, vanno incontro alle loro recriminazioni. Spesso infatti i genitori sono dipendenti dai loro Blackberry non meno dei loro ragazzi. “Gli adolescenti non accettano di essere puniti per un comportamento simile a quello dei loro padri”, conclude Turkle.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)