CRISI: AD MICROSOFT ITALIA, BENE INVESTIMENTI DALLE PMI

CRISI: AD MICROSOFT ITALIA, BENE INVESTIMENTI DALLE PMI
VINCI (FIRENZE)
(ANSA) – VINCI (FIRENZE), 28 MAG – Luci e ombre per le grandi imprese, reazioni importanti dalle pmi, innovazioni strategiche nella pubblica amministrazione: questo il quadro degli investimenti in Italia nel comparto It osservato da Microsoft rispetto alla difficile congiuntura dell’economia. “Anche i nostri clienti hanno risentito della crisi e valutano con molta attenzione gli investimenti da fare. Tuttavia non hanno cessato quelli nel comparto It”, ha affermato l’amministratore delegato di Microsoft Italia, Pietro Scott Jovane, nell’ambito di un evento realizzato ieri sera al Museo Leonardiano di Vinci (Firenze) con la società  Computer Gross. “Ci sono segnali positivi – ha aggiunto – e le grandi aziende, nonostante importanti riduzioni di budget, non smettono di innovare; le famiglie non rinunciano a tecnologie e servizi connessi alla rete; le medie imprese reagiscono alla crisi dotandosi di nuovi strumenti informatici tipo l’e-commerce per sfruttare il potenziale di Internet”. Una sorpresa viene invece dalle piccole imprese italiane. “Sono quelle che non hanno mai abbandonato l’investimento tecnologico, e pensare che fino a 4-5 anni fa sembravano tenersene distanti”, ha osservato Jovane. Per l’ad di Microsoft Italia “é partita la macchina dell’informatizzazione italiana, anche sotto la spinta dei consumatori: chi lavora nelle aziende o si relaziona con un ente pubblico richiede un livello di informatizzazione elevato”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)