EDITORIA: FALLIMENTO RIVISTA FAVA,PIGNORAMENTO A GIORNALISTI

EDITORIA: FALLIMENTO RIVISTA FAVA,PIGNORAMENTO A GIORNALISTI
FAVA, LA GIUSTIZIA ARRIVA DOPO 25 ANNI CON IMPLACABILE SOLERZIA
PALERMO
(ANSA) – PALERMO, 5 GIU – Dopo circa 25 anni, il tribunale di Catania batte cassa e dispone il pignoramento dei beni dei responsabili del periodico I siciliani, fondato dal giornalista Giuseppe Fava, ucciso dalla mafia nel 1984. Dopo l’assassinio, il figlio Claudio e alcuni redattori decisero di non abbandonare il progetto editoriale e per tre anni il quotidiano fu in edicola. La coraggiosa esperienza di denuncia dei cronisti catanesi si concluse nel 1987. Per alcuni debiti contratti all’epoca, Claudio Fava e un gruppo di giornalisti de I Siciliani, tra i quali Graziella Proto, ex presidente del cda, nei giorni scorsi hanno ricevuto la visita dell’ufficiale giudiziario che gli ha pignorato alcuni beni. In solido dovranno pagare circa 90 mila euro: solo una parte della somma servirà  a saldare le spese del giornale – carta e tipografia – e andrà  agli eredi dei creditori, nel frattempo morti. Il resto servirà  a pagare le spese del giudizio fallimentare e gli interessi. “La giustizia – dice, ironico, Claudio Fava – arriva con implacabile solerzia. Dopo 25 anni. Evidentemente, dopo la morte del direttore, avremmo dovuto fare i conti e chiudere, invece di continuare a lavorare. Nessuno di noi, peraltro, in quel periodo percepì una lira di stipendio”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari