GIAPPONE: GOVERNO, GOOGLE STREET VIEW NON VIOLA PRIVACY

GIAPPONE: GOVERNO, GOOGLE STREET VIEW NON VIOLA PRIVACY
TOKYO
(ANSA) – TOKYO, 24 GIU – Il governo giapponese approva ‘Street View’ di Google Maps, il servizio che permette di vedere su Internet immagini particolareggiate delle strade di città , concludendo dopo uno studio apposito che il sito non infrange la privacy dei cittadini. Secondo gli esperti del ministero di Affari Interni e Comunicazioni, chiamati in causa da numerose proteste di singoli cittadini e intere amministrazioni locali per la presunta violazione della privacy, il servizio “può continuare”, in quanto non costituisce generalmente un pericolo per la riservatezza delle persone. Oltretutto, afferma il rapporto, i volti e le targhe catturati nelle immagini – solitamente resi irriconoscibili mediante un filtro grafico – non rientrano nell’oggetto di tutela dell’attuale legge nipponica che regola il trattamento di privacy e informazioni personali. Il servizio ‘Street View’ di Google, attivato in Giappone lo scorso agosto, era subito finito sotto accusa dopo le proteste di numerosi utenti, con molti cittadini che si sono riconosciuti nelle foto particolareggiate delle mappe online. Per venire incontro al malcontento, il mese scorso il gigante di Mountain View aveva annunciato una nuova e più restrittiva policy per la gestione delle immagini sensibili, decidendo inoltre di rimettere in giro per le strade del Giappone la sua vettura dotata di speciale macchina fotografica, montata 40 centimetri più in basso rispetto all’altezza di 2,45 metri delle foto attuali, per scattare di nuovo da zero tutte le istantanee del database.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)