USA: YOUTUBE OFFRE LEZIONI DI GIORNALISMO

USA: YOUTUBE OFFRE LEZIONI DI GIORNALISMO
WASHINGTON
(ANSA) – WASHINGTON, 30 GIU – Per addestrare i nuovi giornalisti alla professione, YouTube ha lanciato una sezione contenente materiale video e consigli di firme prestigiose, come quelle dei giornalisti del Washington Post che hanno scoperto lo scandalo Watergate. Youtube, il celebre sito di condivisione video, ha aperto Reporters’ Center, un canale che contiene filmati e istruzioni per la preparazione al giornalismo: da quello investigativo, alle interviste, all’etica della professione. Alcune firme di fama mondiale partecipano all’iniziativa, come Bob Woodward, diventato famoso negli anni ’70 per gli articoli sulla vicenda Watergate, che presenta un video di 5 minuti dedicato al giornalismo investigativo. In un altro filmato l’opinionista del New York Times Nicholas Kristof insegna a fare reportage dalle zone di guerra senza rischiare di essere uccisi. Arianna Huffington, fondatrice del sito ‘Huffington Post’, racconta il fenomeno del ‘citizen journalism’, ovvero il giornalismo partecipativo proveniente da chiunque sia in grado di raccontare una storia grazie alla diffusione dei blog e alla natura interattiva dei nuovi media. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)