EDITORIA: DIRE, DECISIONI AZIENDA SPIEGATE NEI DETTAGLI

EDITORIA: DIRE, DECISIONI AZIENDA SPIEGATE NEI DETTAGLI
ROMA
(ANSA) – ROMA, 2 LUG – “Le decisioni assunte dall’assemblea dei soci della Dire sc lo scorso 30 giugno sono state spiegate fin nei dettagli in un comunicato emesso subito dopo l’assemblea stessa. Che vi si possa leggere dentro ‘il grande inganno’ a danno di qualcuno è peraltro comprensibile da parte di chi – alla fine evidentemente deluso – ha impostato negli ultimi mesi una campagna a danno della Dire fatta di annunci, soffiate e comunicati sulla imminente chiusura dell’agenzia, che invece non c’é stata”. Lo sostiene una nota dell’editore dell’Agenzia Dire in replica alle affermazioni di Stampa Romana. “La Dire è sempre stata disponibile al confronto sindacale, così come si sarebbe seduta al tavolo aperto con Fieg e sindacati – continua l’azienda – per tentare di trovare una soluzione condivisa se questi ultimi avessero dimostrato altrettanta disponibilità  a farlo. Va ricordato che all’ultima riunione del tavolo, a maggio, il sindacato si è rifiutato di firmare il verbale di quell’incontro e successivamente non si è più seduto al tavolo nonostante la Dire avesse fornito loro i documenti richiesti. Non cadremo mai in provocazioni persino ingenue nella loro evidenza, ma c’é da restare stupiti di fronte a qualcuno che parla di ‘grande inganno della Dire'”. “Il cda e i soci della Dire sc – continua la nota – hanno dunque deciso da soli misure che garantiscono la tenuta economica della cooperativa, senza, lo ribadiamo, che nessuno sia stato messo in mezzo a una strada, grazie anche e soprattutto all’impegno di chi paga di tasca propria. Chi scrive comunicati nei quali dice il contrario, dovrebbe prima verificare le notizie: è questa la prima regola per un bravo giornalista. O no?”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo