Con governo tory dati sanita’ gestiti da Google o Microsoft?

Con governo tory dati sanita’ gestiti da Google o Microsoft?
La notizia viene anticipata dal Times che cita fonti

Roma, 6 lug. (Apcom) – Con la vittoria in Gran bretagna dei conservatori di David cameron, il database del Sistema Sanitario Nazionale – quindi tutti i dati relativi ai pazienti – potrebbe essere dato in gestione a qualche grande colosso privato dell’informatica come Google o Microsoft. Secondo il Times, che cita fonti conservatrici, la decisione potrebbe venir presa per sostituire il “sistema di gestione dei dati centralizzato” voluto dai laburisti. Un sistema che per i conservatori è “poco efficiente” e molto “costoso”.
Una importante fonte Tory dice al quotidiano: “Qualcosa del genere è in programma. Effettivamente stiamo pensando a come modificare tutta l’architettura della tecnologia pubblica. A questo punto per noi è essenziale che ogni privato sia per così dire titolare e ‘proprietario’ dei propri dati sensibili, compresi quelli sanitari”.
Ma la rivoluzione informatica non è senza problemi. Alcuni, scrive il Times, sollevano dubbi sulla ‘sicurezza’ e affidabilità  di un simile sistema. Quanto al possibile accordo con Google, c’è una questione ulteriore. Steve Hilton, uno dei principali consiglieri di Cameron, infatti, è sposato con Rachel Whetstone, vicepresidente di Google per quanto riguarda la comunicazione e gli affari internazionali. Si profilerebbe dunque un caso di conflitto di interessi.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)