EDITORIA: UNIONE EDITORIALE SPA, MARTURANO NUOVO AD

EDITORIA: UNIONE EDITORIALE SPA, MARTURANO NUOVO AD
CAGLIARI
(ANSA) – CAGLIARI, 6 LUG – Federico Marturano, dopo un’esperienza pluriennale nel gruppo Monrif come amministratore della parte digitale, è il nuovo amministratore delegato della capogruppo Unione Editoriale S.p.A. che controlla il quotidiano l’Unione Sarda, la televisione Videolina, l’emittente radiofonica Radiolina, il sito web www.unionesarda.it, la concessionaria di pubblicità  Pbm e il centrostampa di Cagliari. Il Cda del Gruppo Unione editoriale ha anche nominato presidente ing. Carlo Ignazio Fantola, che mantiene le deleghe precedenti, in sostituzione del dott. Giovanni Domenico Pinna che ha rinunciato all’incarico per sopraggiunti impegni. Marturano, rimarrà  amministratore delegato della Syndacation Italia News di cui l’Unione editoriale è azionista e di cui è stato socio fondatore. L’obiettivo concordato dal nuovo Ad con l’editore Sergio Zuncheddu è quello di creare un nuovo modello di azienda editoriale in grado di rispondere ai rapidi cambiamenti di scenario in atto del comparto dell’informazione e dei media. In particolare, avrà  la responsabilità  dello sviluppo strategico e dell’innovazione di tutte le società  del Gruppo. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo