GIORNALISMO: 59 GIORNALISTI UCCISI NEL 2009, “BAGNO DI SANGUE”

GIORNALISMO: 59 GIORNALISTI UCCISI NEL 2009, “BAGNO DI SANGUE”
(AGI/AFP) – Ginevra, 23 lug. – Sono 59 i giornalisti uccisi in tutto il mondo dall’inizio dell’anno, segnando una crescita allarmante rispetto al 2008. Un vero “bagno di sangue” secondo la PEC (Press Emblem Campaign), che ha calcolato che sono 53 i giornalisti uccisi nei primi sei mesi del 2009 -45 in piu’ rispetto all’anno precedente- mentre nel solo luglio sono stati registrati ben 6 omicidi, tra cui quello dell’attivista russa Natalya Estemirova, uccisa il 15 luglio. Il Messico detiene il record negativo, con 7 giornalisti uccisi in quest’anno, seguito in ordine discendente da Pakistan (6), Iraq, Filippine, Russia e Somalia (5), Gaza e Honduras (4), Colombia (3), Afghanistan, Guatemala, Nepal, Sri Lanka e Venezuela (2), India, Indonesia, Kenya, Kyrgyzstan e Madagascar(1). La PEC, secondo cui l’incremento di morti e’ dovuto ai conflitti di Gaza, Somalia, Pakistan e Sri Lanka, ha fatto appello alle Nazioni Unite affinche’ “fermino questa strage di giornalisti”. In luoghi come Messico, Filippine e Russia, dove non vi sono conflitti in corso, gli omicidi stanno diventando “una caratteristica endemica”, ha detto Blaise Lempen, segretario generale della PEC.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo