EDITORIA: LINEA DURA AP, SOFTWARE PER VEDERE USO NOTIZIE

EDITORIA: LINEA DURA AP, SOFTWARE PER VEDERE USO NOTIZIE
OBIETTIVO BLOCCARE UTILIZZO NEWS NON PAGATE

(ANSA) – NEW YORK, 24 lug – L’Associated Press sceglie la linea dura per bloccare la pubblicazione senza permesso delle sue notizie sui siti internet e sui motori di ricerca on line. E annuncia che ogni articolo sarà  presto munito di uno speciale software che notifica all’agenzia come la notizia è utilizzata, oltre a mostrare i limiti ai diritti di utilizzo. Per il presidente e amministratore delegato dell’Ap, Tom Curley, la posizione dell’azienda è facile da spiegare e chiara: anche il minimo uso degli articoli on line richiede un accordo di distribuzione con l’agenzia. Obiettivo della stretta – aggiunge in un’intervista al New York Times – non è quello di limitare l’uso degli articoli, ma quello di farsi pagare per ogni utilizzo. Gli aggregatori di notizie on line e i motori di ricerca respingono le critiche indirette, e spiegano che le brevi citazioni di articoli che compaiono rientrano nell’ambito del principio legale del fair use, in base al quale i lavori protetti da copyright possono essere disponibili al pubblico come materiale grezzo senza la necessità  di autorizzazione, a condizione che tale libero utilizzo soddisfi le finalità  della legge sul copyright, che la costituzione degli Stati Uniti d’America definisce come promozione “del progresso della scienza e delle arti utili”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)