RAI: ROMANI “SCELTA INDUSTRIALE SU DTT, NON FAVORE A MEDIASET”

RAI: ROMANI “SCELTA INDUSTRIALE SU DTT, NON FAVORE A MEDIASET”
11/08/2009 – 12:15 – POLITICA

RAI: ROMANI “SCELTA INDUSTRIALE SU DTT, NON FAVORE A MEDIASET”

ROMA (ITALPRESS) – “La pay tv e’ un mercato in pieno sviluppo e dove anche la Rai potra’ e dovra’ essere presente. L’attuale contratto di servizio (art. 29) consentirebbe alla Rai, a livello sperimentale e sotto il controllo del ministero, di sviluppare la pay tv, senza pero’ ridurre il servizio pubblico. Cio’ sara’ possibile grazie alle maggiori capacita’ trasmissive del digitale e con il nuovo contratto di servizio seguendo la tendenza europea”. Cosi’ il viceministro allo Sviluppo Economico con delega alle Telecomunicazioni, Paolo Romani, in una lettera al Corriere della Sera replica a un editoriale di Aldo Grasso che aveva parlato di “scelta di campo” della Rai riguardo alla scelta di Viale Mazzini di uscire dalla piattaforma Sky.
“Stiamo ponendo le basi di un mercato sempre piu’ concorrenziale, anche fra diverse piattaforme, a vantaggio degli utenti che potranno accedere a maggiori servizi a costi inferiori”, sottolinea Romani, che in merito alla scelta della Rai di puntare maggiormente sul digitale terrestre, spiega: “Nella realta’ italiana la rete distributiva e’ attualmente analogica, facilmente convertibile nel Dtt. Piu’ che una scelta politica, mi sembra un’ovvia strategia industriale che tiene conto degli investimenti economici”.
(ITALPRESS) –

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi