Rai/ Zaia: Sì a un’edizione del Tgr in dialetto

Rai/ Zaia: Sì a un’edizione del Tgr in dialetto

Raitre ha tradito sua missione: deve dar spazio a comunità  locali

Roma, 24 ago. (Apcom) – “Un’edizione del tg regionale in dialetto ci starebbe bene. Magari non in sostituzione delle edizioni già  esistenti, ma una aggiuntiva. Non vedo nulla di sacrilego nel fatto che le notizie possano essere comunicate nell`idioma regionale. Potrebbe essere un buon inizio per restituire RaiTre al suo progetto editoriale originale”. E’ la proposta lanciata dall`esponente della Lega Nord, nonché Ministro per le Politiche Agricole, Luca Zaia, nel corso del programma web Klauscondicio condotto da Klaus Davi su You Tube.

“Un tg però non basta. La terza rete – ha aggiunto Zaia – ha un preciso mandato che ha disatteso per fare spazio a talk e varietà  comici e trasmissioni pagate dai contribuenti per alimentare il dibattito autoreferenziale della sinistra. La missione di RaiTre è quella di dare spazio alla cultura e alle comunità  locali: d’altronde è nata come strumento di comunicazione per le comunità  locali. Una missione disattesa, con una parte dell`azienda subappaltata a chi ne ha fatto uno strumento di ideologizzazione”.

“Tra l`altro – ha concluso Zaia – mi chiedo a cosa sia servito, visto le costanti e reiterate sconfitte elettorali della sinistra? Credo che dovrebbe tornare alla sua missione originale, forse avrebbe più successo”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi