CINEMA: INCASSI; PROTTI (ANEC), ESTATE MOLTO DELUDENTE

SPE:CINEMA
2009-08-28 12:31
CINEMA: INCASSI; PROTTI (ANEC), ESTATE MOLTO DELUDENTE
UN SOLO FILM, HARRY POTTER, NON BASTA
ROMA
(ANSA) – ROMA, 28 AGO – “Molto deludente”. E’ così che Paolo Protti, presidente dell’Anec, associazione nazionale esercenti cinema, giudica l’estate cinematografica appena conclusa. “Noi siamo gratissimi alla Warner per avere fatto uscire a luglio l’ultimo Harry Potter, ma un solo film – spiega Protti al Giornale dello Spettacolo – non può reggere l’intero mercato. E quest’anno sono mancati completamente i prodotti di qualità , lasciando a secco le sale d’essai, ed anche il prodotto medio è stato largamente insufficiente per fare una stagione”. I primi dati Cinetel confermano, infatti, che il solo Harry Potter ha “salvato” il periodo estivo, mentre nel resto d’Europa sono usciti diversi altri film importanti, tra i quali L’era glaciale 3, Nemico Pubblico, Ricatto d’Amore, Pelham 123. Così, le aspettative per la prossima estate restano le stesse: “Servono più film – dice Protti – Almeno due o tre grossi titoli. E serve altro prodotto, sia di qualità  che medio”. Anche nel rapporto con le istituzioni, le cose non sembrano brillare. A fine luglio, il governo ha annunciato che si sono trovati 60 milioni per reintegrare il Fus (Fondo unico per lo spettacolo): “Io intanto – commenta Protti – non ho ancora visto pubblicato il decreto, né ho notizia di quando uscirà . E poi, non mi sembra che si possa parlare di un reintegro del Fus, ma piuttosto di un intervento sulle emergenze dello spettacolo. Ma al di là  del contingente, non è possibile andare avanti così, ogni anno con dei nuovi rattoppi. E’ giusto e necessario assicurare allo spettacolo uno stanziamento congruo e stabile. Per arrivare a questo risultato, bisogna che contestualmente alla presentazione del Dpef, il ministro Bondi, che si è insediato ormai da oltre un anno, dia l’annuncio che sono pronte proposte concrete per la riforma del cinema e delle altre attività  di spettacolo”. (ANSA).
MA/ S0B QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo